Programmazione
Asp
Asp.NET
Java
Javascript
Php
Oracle

Svaghi
Ascolta Radio
Faccine
Libri
Links

Varie
Cerca nel sito...
Segnalazioni
Scrivimi


STEPHEN KING
L'ombra dello scorpione
L'errore di un computer, l'incoscienza di pochi uomini e si scatena la fine del mondo. Il morbo sfuggito a un segretissimo laboratorio semina morte e terrore. Il novantanove per cento della popolazione della terra non sopravvive all'apocalittica epidemia e per i pochi scampati c'è una guerra ancora tutta da combattere, una lotta eterna e fatale tra chi ha deciso di seguire il Bene e appoggiarsi alle fragili spalle di Mother Abagail, la veggente ultracentenaria, e chi invece ha scelto di calcare le orme di Randall, il Senza Volto, il Male, il Signore delle Tenebre.

It
Derry è una ridente, sonnolenta cittadina del Maine, un posto come tanti altri della provincia americana, molto tranquillo, almeno fino al torrido giugno del 1958. E' allora che questa storia incomincia, esattamente il primo giorno delle vacanze estive, quando uno scatenato manipolo di ragazzini escogita un nuovo, eccitante passatempo: esplorare le fogne urbane. Quel giorno memorabile le bande rivali dei Perdenti e di Henry Bowers si giurano eterna inimicizia, Ben Hanscom progetta una diga con Bill Denbrough, Eddie Kaspbrak ha un attacco d'asma. Tutto, insomma, sembra mortalmente noioso e normale, ma non lo è perché It si è svegliato dopo trent'anni di letargo e ha aperto la caccia. Quanto di più perverso, mostruoso e sleale si cela negli incubi infantili e negli angoli bui dell'adolescenza, tutto questo è It, un innominabile caos di sembianze, una creatura dalle mille forme che abita proprio nel maleodorante, desolato labirinto di discariche che i bambini hanno osato profanare. In questo mondo di cunicoli e gallerie sotterranei sette ragazzini ardimentosi si trovano a fronteggiare la più sanguinaria, famelica incarnazione del male che sia mai stata descritta. Ma lo scontro decisivo avrà luogo solo ventotto anni dopo, quando It riapparirà per riscuotere il suo raccapricciante tributo di terrore e quando i Perdenti, ormai affermati professionisti, abbandoneranno la famiglia, il lavoro, la sicurezza per tornare nella cittadina natale a interrompere una catena di efferati delitti di cui soltanto loro conoscono il vero responsabile.

Misery
Paul Sheldon, autore di una serie di romanzi a sfondo storico di grande successo, ha un grave incidente d'auto in cui perde i sensi. Rinviene in una casa isolata sulle montagne del Colorado in preda a dolori indicibili, a causa delle numerose fratture riportate, e trova al suo fianco la donna che gli ha salvato la vita e che lo saluta in modo del tutto inatteso: “Sono la tua più fervente ammiratrice!”. Si tratta di Annie Wilkes, una imponente ex infermiera estremamente abile nel maneggiare sostanze stupefacenti e pericolosi strumenti di tortura: la creatura più terrificante inventata da Stephen King. Affetta da grave psicosi, con un concetto del tutto personale del bene e del male, del giusto e dell'ingiusto, Annie non può perdonare a Paul di avere soppresso nell'ultimo romanzo, il suo personaggio preferito, Misery, e vuole a ogni costo che lo scrittore lo resusciti per lei. Per fare in modo che ponga riparo ai suoi errori, Annie gli compra una macchina per scrivere e una risma di carta e gli ordina di riportare Misery in vita. Bloccato su una sedia a rotelle, stordito dai farmaci, chiuso a chiave nella sua stanza, l'uomo non ha scelta e si rende conto che in certi casi la salvezza può essere peggio della morte. Ma anche gli scrittori hanno le loro armi...

Christine - la macchina infernale
Arnie Cunningham, un pedante studente di liceo; Dennis Guilder, suo amico e talvolta protettore; Leigh Cabot, la ragazza di Arnie che anche Dennis desidera, vivono la loro adolescenza in una tranquilla cittadina di provincia nei pressi di Pittsburgh. Il solito "triangolo"? Non proprìo. C'è un quarto personaggio, una seconda presenza femminile, la dama oscura della vicenda. " Le macchine sono ragazze ", sostiene Leigh Cabot, e la potenza tenebrosa creata da Stephen King è proprio una Plymouth del 1958 che si chiama Christine. Ma non è un'automobile qualsiasi, questa superstite bicolore di un'epoca in cui la super costava dieci cent i1 litro e i tachimetri erano calibrati per toccare i novanta chilometri orari. Arnie vuole Christine a qualsiasi costo e a poco a poco Dennis e Leigh cominciano a sospettare che il prezzo della sua crescente ossessione possa diventare incredibilmente alto e le conseguenze spaventose. Mentre Arnie si dà febbrilmente da fare per rimettere a nuovo Christine - impresa che appare disperata - l'automobile inizia a manifestare una terrificante vita propria. 0 è soltanto frutto dell'immaginazione? Dennis continua a sperarlo, ma nelle buie strade di Libertyville la gente comincia a morire... e arriva il momento in cui Dennis non può più negare l'orribile verità: Christine è viva.

Ossessione
Quando la follia esplode Charlie è un ragazzo come tanti, ma nella sua testa qualcosa reagisce in modo anomalo alle sfide e alle ingiustizie di una vita di provincia fatta di bravate e vagheggiate avventure con adolescenti. La sua rabbia scoppia improvvisa una mattina durante una lezione: pistola in pugno, Charlie coinvolge nella sua ossessione privata la vita e il destino di una classe intera. Segreti di sesso, di sangue, di odio vengono alla luce; tutti tolgono la maschera dell'ipocrisia in una confessione tragica e liberatoria. Qualcuno ci rimetterà la vita, qualcuno la reputazione, qualcun altro la sanità mentale. L'avventura vissuta con Charlie agirà comunque su ciascuno come potente catalizzatore per scatenare la follia nascosta nel profondo e guardare in faccia le radici del Male. Un altro grande indimenticabile successo del maestro dell'orrore

L'uomo in fuga
Ben Richards è l'eroe disperato e carico di rabbia di questo thriller mozzafiato, un terrificante spaccato su un'America futuribile, tetra e senz'anima, tiranneggiata da una Rete tv cinica e corrotta che, come pezzo forte della propria programmazione, manda in scena seguitissimi giochi al massacro, concentrato di sadismo e atrocità, in cui i concorrenti lottano letteralmente per la vita tra il plauso degli spettatori. E’ quindi nello spirito più cupo che Richards, vero outsider in una società spogliata di ogni barlume di umanità, si decide a partecipare alle selezioni unicamente per procurarsi il denaro necessario a curare la figlioletta malata. Per intelligenza, forza fisica e “potenziale sovversivo”, viene giudicato idoneo per lo show di massimo gradimento, l'Uomo in fuga. Si tratta di uno spietato tour de force in cui il protagonista, sguinzagliato per le strade, è braccato dai “Cacciatori” della Rete e da chiunque lo riconosca dopo aver ascoltato dalla televisione le notizie, opportunamente falsificate, circa la sua pericolosità sociale. Il malcapitato intasca cento dollari per ogni ora di sopravvivenza che si guadagna e se allo scadere dei trenta giorni di tempo concessigli è ancora vivo - nessuno c'è mai riuscito! - vince il primo premio, un miliardo di nuovi dollari.

La zona morta
Johnny Smith è un giovane normale: ha un sorriso piacevole, un certo talento per l'insegnamento e un nuovo amore. Tutto sembra andare per il verso giusto e anche meglio quando, insieme con Sarah, la sua ragazza, Johnny vince una grossa somma giocando alla “ruota della fortuna”. Sembra quasi che conosca in anticipo i numeri che usciranno. Ma solo poche ore dopo, un incidente costringerà Johnny in un coma che durerà ininterrotto per più di quattro anni. E in quattro anni molte cose cambiano. Quando si risveglia, la sua donna, la sua carriera e la sua giovinezza se ne sono andate. Ma la tragedia di ciò che ha perso è niente in confronto all'orrore di quanto ha acquistato. Johnny Smith può ora conoscere i segreti della mente, del passato e del futuro di alcune persone con un semplice contatto, anche solo con un tocco. Un dono che non vuole, un destino al quale non può sfuggire. Così, un bel giorno d'estate, Johnny stringe la mano di un ambizioso uomo politico e viene a conoscenza di un avvenire talmente incredibile che solo lui può credere vero e quindi fermare. Ma Johnny è solo...

Shining
Lo scatenarsi delle forze del male in un classico dell'horror. L'Overlook, uno strano e imponente albergo che domina le montagne del Colorado, è stato teatro di numerosi delitti e suicidi e sembra aver assorbito energie diaboliche che vanno al di là di ogni comprensione umana e si manifestano soprattutto d'inverno quando l'albergo chiude e resta isolato per la neve. Uno scrittore fallito, Jack Torrance, con la moglie Wendy e il figlio Danny di cinque anni, accetta di fare il guardiano all'Overlook ed è allora che le forze del male si scatenano con impeto rinnovato. La famiglia si trova avvolta ben presto in un'atmosfera sinistra. Davanti a Danny, che è dotato di potere extrasensoriale, lo "shine", si materializzano gli orribili fatti accaduti nelle stanze dell'albergo, ma se il bambino si oppone con forza a insidie e presenze, il padre ne rimane vittima.

Le notti di Salem
Gli orrori e gli incubi della provincia americana. Chi profana il cimitero di Harmony Hill? Da sempre a Marsten House, la maledetta dimora di Salem's Lot, una tranquilla cittadina americana, accadono cose strane e continuano ad accaderne, in particolare da quando due uomini misteriosi si sono stabiliti in quella casa, disabitata da anni. Ben Mears, lo scrittore tornato a Salem's Lot per cancellare gli incubi dell'infanzia, si troverà a fronteggiare altri orrori. Così grandi da gelare il sangue nelle vene.

A volte ritornano
Si tratta di un insieme di venti racconti da cardiopalma, di cui lo stesso King afferma: "Nei miei racconti incontrerete esseri notturni di ogni genere: vampiri, amanti dei demoni, una cosa che vive nell'armadio, ogni sorta di altri terrori. Nessuno di essi è reale. L'essere che, sotto il letto, aspetta di afferrarmi la caviglia non è reale. Lo so. E so anche che sto bene attento a tenere i piedi sotto le coperte, non riuscirà mai ad afferrarmi la caviglia". L'intento di Stephen King in questi venti racconti è chiaro: parlare di paura, di come si arriva all'orlo della follia... e forse al di là del baratro.

Carrie
A Chamberlain, una piccola città del Maine, vive Carrie, una ragazza "telecinetica", che ha cioè il potere di muovere le cose con la forza del pensiero. Questo potere, che gli scienziati più illuminati considerano un male ereditario, si manifestò quando Carrie aveva tre anni, dopo il primo shoc della sua vita. Poi rimase represso, come ogni istinto di Carrie, da una madre pazza e sadica che atterrisce la ragazza con l'idea costante del peccato carnale e ritiene che il "potere" sia un abominevole dono del diavolo. Ma un giorno, dopo uno scherzo stupido e malvagio, l'equilibrio troppo a lungo controllato e sofferto si spezzerà: Carrie la goffa, la diversa, l'innocente e disarmata Carrie, userà il suo potere e sarà ovunque orrore, distruzione e morte.

L'incendiaria
1969: Andy Mcgee e Vicky Tomlinson partecipano a un esperimento sulla droga patrocinato da un'agenzia governativa, chiamata "La Bottega", che ha lo scopo di sviluppare facoltà psichiche eccezionali. 1970: Andy e Vicky si sposano e mettono al mondo una deliziosa bambina, Charlie, che ha tutto per rendere felici e orgogliosi dei genitori, ma anche per spaventarli a morte. 1972: Charlie comincia a mostrare le prime avvisaglie di una furia violenta e terrificante che cresce dentro di lei e con lei. Un giorno il suo orsacchiotto preferito prende fuoco solo perchè Charlie vi ha posato sopra gli occhi. Disperati, Andy e Vicky cercano di insegnarle a reprimere e a dominare questa energia, a comportarsi in maniera normale, per proteggere la bimba sia da se stessa, sia da coloro che potrebbero approfittare del suo potere per fini malvagi. Oggi: Charlie ha ormai otto anni e non e provoca più fuochi. Ma la Bottega ha scoperto le prerogative segrete di questa bambina terrorizzate e terrorizante e vuole sfruttarli per i suoi folli scopi. Vengono scelti gli agenti migliori per scovare Charlie e ha inizio una caccia spietata e terribile che dalle strade di New York arriva fino alle foreste del Vermont. Quando finalmente riescono a impadronirsi di Charlie cercano di mutare la sua straordinaria capacità, fino a quel momento volta al bene, in una forza tanto distruttiva quanto seducente. Ciò che nessuno a calcolato è che anche una bambina di otto anni può prendere gusto al "gioco" e provare la dolce soddisfazione della vendetta

Stagioni diverse
Un "quartetto" di racconti in bilico tra l'orrore e l'avventura, l'incubo e la fantasia. Il riscatto di un uomo condannato ingiustamente per omicidio. Il morboso rapporto tra un adolescente e un ex nazista. Quattro ragazzini alla ricerca del cadavere di un coetaneo. Una donna che partorisce in circostanze surreali. Quattro storie da brivido, agghiaccianti e paradossali, che hanno per protagonisti mostri moderni.

Tommyknockers - le creature del buio
Tutto ha inizio con un’innocua filastrocca. Eppure, nelle mani di Stephen King si trasforma in un’indimenticabile parabola del terrore, in una minaccia agghiacciante che trascina i semplici abitanti di una cittadina del New England nel più raccapricciante degli incubi. Roberta Anderson, di professione scrittrice, esce un giorno a cercare legna nel bosco dietro casa e inciampa in un oggetto di metallo che sporge dal terreno. Un oggetto strano, assolutamente inamovibile. E' così che scopre che la cosa sepolta da milioni di anni, che tuttavia vibra ancora debolmente, palpita di una sconosciuta forma di vita... La donna inizia a scavare. Dapprima titubante, poi con accanimento crescente. E mentre lo scavo procede gli abitanti di Haven cominciano lentamente a cambiare, a fondersi in un’unica entità spaventevole asservita a misteriosi esseri alieni che. notte dopo notte, s’impossessano della loro mente...

Incubi & deliri
Un dito che emerge dallo scarico di un lavandino, giocattoli che si trasformano in micidiali strumenti di morte, mosche che si annidano e muoiono in un vecchio paio di scarpe da tennis, il deserto del Nevada che inghiotte una Cadillac. Intanto la leggenda di Castle Rock ritorna per ammaliare e stringere nelle sue spire l'attonito lettore. Ecco un'altra antologia di racconti di Stephen King, un'opera che è un ampio e profondo tunnel in cui si aprono molteplici antri e dove passaggi sotterranei, serpeggiano in infidi meandri, sfociano in gran parte nell'inferno... La fertilissima immaginazione dello scrittore e la potenza della sua vena narrativa non sono mai state così efficaci e ... terrificanti. E ce n'è per tutti i gusti, ognuno troverà il genere che più lo cattura: classiche storie dai soggetti macabri e mostruosi, tese esplorazioni del labile confine che separa il bene dal male, brillanti pastiches di Chandler e Conan Doyle, persino un dramma televisivo e anche un assaggio di non fiction - un pezzo su una squadra di baseball - già apparso sulla rivista The New Yorker

Il talismano
Stephen King e Peter Straub, due incontestati maestri dell'horror, hanno unito i loro talenti per dar vita a un indimenticabile intreccio di fantasia, avventura e terrore. Una solitaria cittadina sull'Atlantico è il punto di partenza di un viaggio straordinario, esaltante e terribile insieme, che il dodicenne Jack intraprende alla ricerca del Talismano. Solo quel leggendario cristallo ha infatti il potere di guarire sua madre, malata di cancro. Per raggiungerlo, il ragazzo deve attraversare non soltanto gli Stati Uniti, da un oceano all'altro, ma anche un universo oscuro, parallelo a quello reale, dominato da forze sataniche. È un luogo nascosto, sepolto nella coscienza di ognuno, e solo poche persone sono in grado di penetrarvi: lo sapeva fare suo padre, morto da tempo in circostanze misteriose... e lo sa fare anche Jack. Un salto di dimensione ed egli penetra nei Territori, nel minaccioso regno dal trono vacante di cui scopre di essere l'erede, popolato da creature demoniache e dai Gemellanti, i "doppi" degli esseri umani. Jack, deciso a portare a termine la sua missione, affronta le più incredibili vicissitudini, passando continuamente da un mondo all'altro, inseguito da nemici implacabili, confortato da amici fedeli: è l'eterna lotta tra il bene e il male che si ripete in un agghiacciante parossismo di paura e di tensione.

Il gioco di Gerald
Quella non era la prima volta che Gerald sottoponeva la moglie a giochi erotici un po' hard per ravvivare un'unione ormai spenta... Nell'isolata casa sul lago, in una tiepida giornata autunnale, Jessie si piega, riluttante, a una delle ennesime fantasie sessuali del marito. Ammanettata al massiccio letto di legno, la donna, ribellandosi improvvisamente a quell'umiliante imposizione, tenta di allontanare con un calcio l'eccitato partner.. che si affloscia privo di vita, stroncato da un attacco di cuore. Per Jessie è il primo passo in un labirinto di terrore: immobilizzata e angosciata, impossibilitata a raggiungere qualsiasi strumento utile alla propria liberazione, cade in preda a un vortice di confusi pensieri, febbrili voci interiori che si accavallano, oscuri demoni del passato che prendono consistenza dentro di lei. In un alternarsi di acute sensazioni fisiche - i crampi dovuti alla posizione, il dolore per le escoriazioni ai polsi - e allucinazioni, tra lampi di pazzia e sprazzi di lucidità, Jessie deve anche affrontare due inquietanti visitatori: un affamato cane randagio, attirato dall'odore del cadavere, e un'ombra mostruosa e irreale che fa capolino all'ingresso della stanza. Sulla donna, sconvolta, incombe una morte lenta e agghiacciante e la minaccia di fauci fameliche... quando il riaffiorare alla coscienza di un morboso, antico segreto le offre un insperato appiglio e la spiegazione capace di condurla alla salvezza

Insomnia
Da quando è morta sua moglie, Ralph Roberts soffre di insonnia e ha preso l'abitudine di uscire per passeggiare di notte. Durante i suoi vagabondaggi attraverso la città addormentata, Ralph nota strani fenomeni: aure cangianti che circondano le persone, eccentrici omini che girano per le strade, curiose apparizioni colorate... A poco a poco inizia a sospettare che non si tratti di semplici allucinazioni. Anche perché Derry, la piccola località del New England dove vive, non è un luogo come tutti gli altri, come ben sanno i lettori di Stephen King. E, infatti, forze terrificanti si stanno nuovamente agitando nel sottosuolo... Un romanzo carico di horror e suspense, che vi garantirà notti davvero insonni...

La bambina che amava Tom Gordon
"Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare". Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina di giugno era sul sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red Sox (quella che ha 36 Gordon sulla schiena) a giocare con Mona, la sua bambola. Alle dieci e mezzo era persa nel bosco. Alle undici cercava di non essere terrorizzata, cercava di non pensare: 'Questa è una cosa seria, questa è una cosa molto seria'. Cercava di non pensare che certe volte a perdersi nel bosco ci si poteva fare anche molto male. Certe volte si moriva.

I - L'ultimo cavaliere  (La Torre Nera)
Un classico della letteratura moderna, questo romanzo dalla concezione originalissima mostra un nuovo, appassionante aspetto dello straordinario talento creativo di Stephen King. Scritto in età giovanile, è stato ora completamente rivisto dall'autore - che l'ha anche arricchito di una nuova Introduzione e di una nuova Prefazione - in attesa dell'imminente pubblicazione degli ultimi tre volumi della serie 'La Torre Nera'. Una saga fantastica, ambientata in un mondo di sinistre atmosfere e macabre minacce, che appare come lo specchio oscuro di quello reale. Qui, in uno sconfinato paesaggio apocalittico, l'eterno, epico scontro fra il bene e il male si incarna in uno dei più evocativi personaggi concepiti dall'autore: Roland di Gilead, l'ultimo cavaliere, leggendaria figura di eroe solitario sulle tracce di un enigmatico uomo in nero, verso una misteriosa Torre proibita. Un capolavoro della vena immaginifica del versatile 'Re'.

II - La chiamata dei tre  (La Torre Nera)
In attesa degli ultimi volumi della saga, ecco il secondo romanzo de "La Torre Nera", in una nuova edizione arricchita da un'Introduzione dell'autore. "La chiamata dei tre" riprende la narrazione delle gesta di Roland, l'ultimo cavaliere di un mondo 'che è andato avanti', l'eroe solitario deciso a raggiungere la misteriosa Torre. Nel loro definitivo confronto-scontro l'uomo in nero aveva predetto la sorte a Roland con uno strano mazzo di tarocchi, estraendone tre carte: il Prigioniero, la Signora delle Ombre e la Morte. "Ma non per te", aveva però aggiunto. Ora il pistolero si ritrova seduto su una spiaggia del Mare Occidentale, dopo un sonno che forse è durato anni. Sa che dovrà trovare le tre porte spazio-temporali per introdursi nel nostro mondo e raggiungere così i tre predestinati. Ma come individuarle? Mentre medita sul da farsi, mostruose creature emergono dalle acque e tentano di divorarlo, mutilandolo orrendamente. Intossicato dal veleno, ferito, sempre più debole e febbricitante, il pistolero capisce che come non mai la sua ricerca adesso è diventata una questione di vita o di morte...

III - Terre desolate  (La Torre Nera)
Arricchito da una nuova Introduzione del Re, ecco il terzo volume della saga, in cui ritroviamo Roland di Gilead, il Prigioniero e la Signora delle Ombre impegnati ad acquisire le doti indispensabili per proseguire la ricerca della Torre Nera. Grazie alla guida tenace e imperturbabile dell'ultimo cavaliere, Eddie e Susannah (la nuova donna nata dalla fusione di Detta e Odetta) stanno infatti sviluppando insospettabili abilità: Susannah si rivela una pistolera provetta e Eddie riscopre la capacità di sentire la voce nascosta delle cose. Ma soprattutto i tre stanno imparando a fidarsi reciprocamente, via via sempre più consapevoli che la loro diversità è la loro forza, la forza del 'ka-tet', cui però manca ancora un elemento. Cioè il piccolo Jake, che per un paradosso temporale è di nuovo a New York, e soprattutto è di nuovo vivo e in procinto di raggiungerli. Attraversando terre desolate e città devastate dalla follia, fra terrificanti avventure ed esperienze visionarie, il pellegrinaggio verso la Torre continua...

IV - La sfera del buio  (La Torre Nera)
In questo romanzo della saga sulla Torre Nera ritroviamo Roland di Gilead, Eddie,Susannah e Jake intrappolati in una carrozza di Blaine il Mono, il treno teleguidato dalla stessa intelligenza malefica che ha sterminato la cittadina di Lud. L'ultimo cavaliere si salva vincendo una sfida davvero particolare... solo per ritrovarsi in un'America alternativa, spopolata da una misteriosa superinfluenza. In un mondo che 'va avanti' sempre più rovinosamente, è infatti facile sconfinare in luoghi e tempi paralleli attraverso le sottilità, le insidiose porte per l'altrove via via più frequenti. Nello spiegare ai suoi compagni di avventura che cosa sia questo fenomeno, Roland è costretto a rituffarsi nel proprio lontanissimo passato e, in una notte che pare senza fine, narra la tragica storia di Susan Delgado, del loro amore immortale e di una sfera magica che pare scaturita da un'antica leggenda...

V - I lupi del calla  (La Torre Nera)
Rumore di passi sul Sentiero del Vettore. Roland, l'ultimo cavaliere di un mondo che è "andato avanti", e il suo bizzarro seguito - il giovane Jake, Eddie e sua moglie Susannah - cercano di raggiungere la Torre per arrestare il disfacimento della realtà e il suo annullamento nel caos. Ma attraversando le foreste del Calla, una regione del Medio-Mondo, si imbattono nella tragedia di una piccola comunità rurale sfinita dalle incursioni di un nemico ignoto e spaventoso. Non sono infatti predoni comuni quelli che scendono dalle alture circostanti, ma creature dal muso di lupo che assaltano le case con armi invincibili seminando morte e distruzione. E portandosi via i bambini, ai quali, prima di restituirli, fanno qualcosa di orribile.

VI - La canzone di Susannah  (La Torre Nera)
La fine della Torre Nera è sempre più vicina. Solo due Vettori sono rimasti a sorreggerla, e quando crolleranno il perno dell'universo salterà e la realtà sarà sommersa dalle tenebre. Roland Deschain, l'ultimo cavaliere, e la sua banda combattono valorosamente l'avanzata del male, ma ora il gruppo non è più compatto. Il demone-femmina che si è impadronito del corpo di Susannah, la moglie di Eddie, ha usato la sfera del buio per trasportarsi dal Medio-Mondo nella New York del 1999: proprio qui, in un punto preciso di Manhattan, dovrà partorire la creatura concepita per distruggere la Torre. Sulle sue tracce si precipitano il piccolo Jake, Oy, il "bimbolo" parlante, e Père Callaban, per impedire che la donna arrivi all'appuntamento fatale. Nel frattempo Eddie e Roland, che hanno il compito di proteggere la rosa magica, riappaiono nel Maine, anno 1977. Un luogo da brivido, ma indubbiamente vero, dato che le pallottole volano anche qui. E se no ci sono parole per descrivere l'angoscia e lo stupore di Susannah quando apprende chi è il vero padre del nascituro, che dire dello choc dei due pistoleri quando si apre la porta di una casa e sulla soglia c'è niente meneno che ...

VII - La torre nera  (La Torre Nera)
si conclude con questo volume la saga de La Torre Nera: Roland di Gilead, il pistolero, con i compagni che ha raccolto attorno a sè nel viaggio, è di fronte al suo destino. Il gruppetto è sano e salvo, sebbene sparso per ogni dove (e ogni quando). In particolare. Roland, Eddie e John Cullum sono nel Maine del 1977, in Turtleback Lane, quando cominciano a capire che il mondo da cui stanno cercando di fuggire è l'unico reale, l'unico in cui il tempovada solo in avanti, in linea retta...Per i lettori che con fedeltà e passione li hanno seguiti fin qui, vlae la pena ricordare che il meglio arriva sempre per ultimo. A patto che si abbia il coraggio di andare fino in fondo, naturalmente. Ma ormai mancano solo pochi passi... Ecco. Sentite questo tonfo? E' una porta che si chiude dietro di voi. Benvenuti nella Torre Nera.

Miglio 81
Al Miglio 81 dell'autostrada che attraversa il Maine c'è una stazione di servizio chiusa, dove i ragazzi del liceo vanno a bere a cacciarsi nei guai, come tutti i ragazzi di quell'età. È proprio lì che finisce Pete Simmons, quando suo fratello maggiore lo lascia solo per andare a giocare con gli amici. Pete si infila nel fast food abbandonato, con una bottiglia di vodka mezza piena. Ne beve abbastanza da addormentarsi. Poco dopo, una station wagon sfonda l'ingresso dell'area di servizio. La portiera si apre, ma non esce nessuno. Doug Clayton, un assicuratore di Bangor, sta guidando la sua Prius diretto a un convegno. Sul sedile posteriore c'è la borsa con i documenti mentre su quello del passeggero tiene la Bibbia, che considera l'unico vero manuale di assicurazione. Ma non gli servirà a niente, certo non a salvargli la vita, quando decide di fare il buon samaritano aiutando il proprietario della station wagon in panne. Parcheggia dietro di lui, aziona le luci di emergenza e poi si accorge che la macchina è senza targa. Poco dopo Julianne Vernon, alla guida di un pick-up che traina un rimorchio per cavalli, intravede le due auto e accosta. Julianne trova il cellulare rotto di Doug vicino alla portiera della station wagon - e si china per raccoglierlo. Quando Pete si risveglia dal torpore dell'alcol, ci sono cinque macchine ferme al Miglio 81. Due bambini - Rachel e Blake Lussier - e un cavallo che si chiama DeeDee sono gli unici esseri viventi rimasti. Se non si conta la station wagon.